Eterotopie | PIANO & SOUND FESTIVAL

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Programma 2013 Venerdi . 28 . giugno
Venerdi . 28 . giugno
28 giugno 2013.jpg

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Spazio Sant’Agnese 10 ore 17,00

MITI e MISTERI del GARDA

Simona Cremonini

 

Alla riscoperta di leggende e miti della regione del Garda, la giornalista Simona Cremonini ha composto due percorsi, lungo le sponde del Lago di Garda  e sulle colline a sud del lago, che intersecano i culti delle antiche civiltà che qui hanno vissuto e i segni e gli enigmi che ancora si possono leggere sul territorio.


Auditorium Monteverdi ore 21.15


PERCORSI del  MITO

Alfonso Alberti, pianoforte


musiche di M. Molteni, R. HP Platz, F. Durieux, K. Szymanowski, R. Panfili, P. Castaldi, P. Perezzani

G. Pesson, M. Dall’Ongaro, S. Bulfon

 

Le opere musicali della contemporaneità sono in perenne dialogo col patrimonio di idee, immagini, suggestioni dell’immaginario collettivo. In alcuni casi scelgono di dialogare in maniera esplicita con un ambito particolare di questo patrimonio: il mito. Ci illustra questo itinerario Alfonso Alberti, tra i pianisti a livello internazionale più acclamati nel repertorio contemporaneo.

 

Palazzo di San Sebastiano ore 22.30

notturno


MUSIC  &  SHADOWS

viaggio musicale tra oriente e occidente 1

Ebony Piano Duo

Roosa Halme & Friends, teatro d'ombre

co - produzione Diabolus in Musica | PIP Festival Pori Finland

 

Nel 1939 il composiotre canadese Colin Mac Phee si trasferì a Bali per un lungo soggiorno. Da quell’esperienza, in cui incrociò anche la celebre antropologa Margaret Mead, tra le fautrici del mito occidentale di Bali, nacquero le suggestive trascrizioni per due pianoforti delle musiche tradizionali per gamelan; ma l’interesse musicale per l’oriente ed suoi miti era però iniziato qualche decennio prima, in Francia...

 


biografie

cremonini > Simona Cremonini | Sono nata il 23 febbraio 1979 e vivo a Montanara, un paese vicino a Mantova. Ho iniziato a lavorare in editoria collaborando con il comitato di lettura della rivista letteraria Inchiostro di Verona e facendo parte della redazione del portale LaTelaNera.com, per il quale curo una rubrica sulle leggende metropolitane legate ai generi horror e noir. Sono inoltre tra i soci fondatori dell’Associazione Culturale Lupo della Steppa. Autrice di narrativa, ho presentato racconti su e-book e pubblicazioni cartacee, tra cui le antologie “Bambini cattivi” (ed. Melquìades, 2005), “L’anima e la carne” (ed. Chimera, 2006), “666 passi nel delirio” (Larcher Editore, 2006). Tra il 2007 e il 2012 altri miei racconti sono apparsi su antologie edite da Lupo Della Steppa e Delmiglio Editore: l’elenco completo è sulla pagina del sito Libri e racconti. Ho partecipato a diversi concorsi letterari, piazzandomi seconda a GHoST 2003 e vincendo l’edizione 2005 del Premio Akery, sezione horror. Nel 2008 ho terminato un saggio su misteri e leggende del Garda, pubblicandolo prima online e poi con PresentARTsì, casa editrice di Castiglione delle Stiviere, con cui ho pubblicato anche la raccolta di racconti “(I) racconti fantastici del Garda”.

alberti > Alfonso Alberti svolge un’intensa attività di pianista in Europa e negli Stati Uniti. Nato nel 1976, ha studiato con Piero Rattalino e Riccardo Risaliti e ha seguito corsi di perfezionamento tenuti da Massimiliano Damerini, Rosalyn Tureck, Franco Scala, Oleg Marshev. Ha esordito nella Sala Verdi del Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano a diciassette anni eseguendo il Quarto concerto di Rachmaninov con l’Orchestra della RAI. Fra le sale e i teatri in cui si è esibito in seguito vi sono il Konzerthaus di Vienna, il Teatro Dal Verme di Milano, il Teatro Bibiena di Mantova, la Tonhalle di Dusseldorf, il Konzerthaus di Dortmund, il Teatro Forteza di Maiorca, il LACMA di Los Angeles e Villa Pisani Bonetti a Bagnolo di Lonigo, capolavoro del Palladio, ora patrimonio dell’UNESCO. Ha suonato con compagini come l’Orchestra della RAI, l’Orchestra dei Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Haydn di Trento e Bolzano e l’Orchestra di Stato di Vidin e ha collaborato con direttori come Tito Ceccherini, Gustav Kuhn, Vittorio Parisi, Flavio Emilio Scogna, Yoichi Sugiyama, Arturo Tamayo, Pierre-André Valade. Ha tenuto concerti insieme a noti musicisti, fra i quali il flautista Pierre-Yves Artaud, il percussionista Maurizio Ben Omar e il trombonista Barrie Webb; collabora stabilmente con l’ensemble Risognanze e in maniera occasionale con altre formazioni. Ha realizzato numerosi cd solistici e cameristici; il suo ultimo disco per pianoforte solo Cangianti, dedicato all’opera integrale per pianoforte di Niccolò Castiglioni e pubblicato dall’etichetta Col legno, sta incontrando un unanime consenso da parte della critica. Nel 2009 saranno pubblicati un suo cd Col legno dedicato alla musica per pianoforte solo di Gérard Pesson e un cd Stradivarius con il Concerto per pianoforte e orchestra di Goffredo Petrassi (Orchestra della RAI di Torino, direttore Arturo Tamayo). Degno di nota è il suo impegno per la divulgazione e la promozione della musica del secolo appena trascorso, con un repertorio che spazia dalle avanguardie storiche fino ai compositori più giovani. Alfonso Alberti ha tenuto a battesimo composizioni per pianoforte solo di Jacopo Baboni Schilingi, Alessandro Melchiorre, Gérard Pesson, Robert HP Platz, Fausto Razzi, Gil Shohat, Alessandro Solbiati, Yoichi Sugiyama e diversi altri compositori, specialmente della generazione più giovane (fra di essi, Matteo Franceschini, Federico Gardella, Juste Janulyte, Giovanni Enrico Lo Curto, Corrado Rojac). Diversi sono inoltre gli autori che gli hanno dedicato composizioni per pianoforte solo: fra di essi Luciano Chessa, Stefano Gervasoni, Gérard Pesson, Alessandro Solbiati. Un rapporto speciale lo lega all’Accademia di Montegral di Gustav Kuhn e ai Tiroler Festspiele Erl, dei quali è ospite regolare; altri rapporti di collaborazione importanti nella sua attività sono quelli con l’Associazione “Sonora” e col COMI (Consorzio degli Operatori Musicali Italiani), che lo ha selezionato per i suoi progetti del 2009. Fra i suoi più recenti impegni ricordiamo l’esecuzione del Concerto per pianoforte e orchestra di György Ligeti al Festival MiTo Settembre Musica e quella di Kontakte di Stockhausen per Milano Musica, mentre fra le sedi dei prossimi recital all’estero vi sono San Francisco e Monaco.

halme > Roosa Halme | executive director of TIP-Fest, director of PIP-Fest. Born in Kaarina. Studied composing in Tampere and puppet theatre in Turku Arts Academy. At the moment organizing festivals, developing solo projects “Brick Theatre” and “Shadow Laboratory”, working as accordionist in Turku City Theatre (Accordion Crimes) and Pori Theatre (Niskavuoren Heta), leading workshops. Studying Visual Culture (MA) in Aalto University School of Arts, Design and Architecture. Lives in Pori. Interested in seeing, feeling, experimenting and creating strong visual theatre. Dreams a lot.

ebony > Ebony Piano Duo | Leonardo Zunica e Maria Ala-Hannula si sono formati presso prestigiose scuole internazionali come il Conservatorio di Verona, il Conservatorio di Tampere (Finlandia), il Conservatorio P.I. Tchaikovsky di Mosca, l’Accademia di Bergamo e l’Accademia Musicale di Firenze, seguiti da maestri come Renzo Bonizzato, Kostantin Bogino, Virginio Pavarana, Lev Naumov, Adriano Ambrosini, Pier Narciso Masi.  Premiati in concorsi internazionali vantano collaborazioni prestigiose tra le quali Oles Semchuk, Ksenia Milyavkasja, Volodimir Sirenko e l’Orchestra Nazionale Ucraina, Jukka Isakkila e l’Orchestra dell’Arena di Verona, il Quartetto di Fiesole, il Quartetto Amati, il Quartetto dell’Arena di Verona, il Quartetto Sinopoli, l’Orchestra del Conservatorio di Verona, Spring Quartett, I Virtuosi Italiani.  La loro attività concertistica li ha portati ad esibrsi in importanti rassegne tra le quali Amici della Musica di Verona, Società dei Concerti Milano, Festival Galuppi di Venezia, Summer Music Festival di Kiev, Sulle Ali del Novecento Brescia, Spazio Novecento Cremona, Verona Contemporanea,  il Lugano Music Internazional Festival, la Stagione concertistica dell’ Accademia Incontri col Maestro di Imola, ed in prestigiose sale come l’Academy Concert Hall di Glasgow, le filarmoniche di Dnipopetrovsk, Kharkov, Poltava e KIev Maly Saal in Ucraina, Rachamninov Saal del Conservatorio di Mosca,  Teatro Bibiena a Mantova, Sala Puccini del Conservatorio di Milano, e moltissime altre.

 

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione del sito. Proseguendo con la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Per maggiori informazioni su come utilizziamo i cookie e su come rimuoverli, consultare la nostra politica sui cookies.

Accetto i cookies da questo sito.